07/052018
Esteri Redazione MPN

Il Picasso dello scaricabarile

Ognuno di noi ha degli eroi, dei modelli. Uno dei miei, da sempre, è il secondo Segretario Generale delle Nazioni Unite, lo svedese Dag Hammarskjöld.
     Sono sicuro, ma sono di parte, che sarebbe d'ispirazione per chiunque dedicasse del tempo a leggere su di lui e, soprattutto, i suoi scritti. Uno dei motivi per cui sono rimasto affascinato da lui è stata la sua cristallina capacità di trasporre alcuni dei problemi generali della società in modo molto specifico nel suo lavoro.
     Detto così è molto vago. Un esempio, al contrario, molto concreto lo possiamo trovare quando parlava dell'Organizzazione che guidava dicendo che "verrà il giorno in cui gli uomini vedranno l'ONU per quello che è in realtà. Tutto sarà chiaro quando le persone capiranno che le Nazioni Unite non sono un astratto quadro di Picasso ma un disegno fatto da loro stessi".
     Più che un esame del ruolo delle NU nel mondo è interessante il messaggio: assumersi le proprie responsabilità. Un messaggio che, vedendo la situazione politica attuale, sembra sempre più necessario.

 

Alessandro Dalpasso